Chi sono i Cimbri?

    

Sono così detti gli abitanti di alcuni paesi di un’area omogenea tra Veneto e Trentino che parlano, o parlavano, la lingua detta cimbro. Al giorno d’oggi, il cimbro è parlato a Luserna, in provincia di Trento, dalla maggioranza della popolazione (e cioè da circa 220 persone); a Giazza, nell’alta Val d’Illasi in provincia di Verona, da alcune decine di abitanti; a Mezzaselva di Roana, sull’Altopiano d’Asiago, in provincia di Vicenza, da una manciata di persone. A costoro, però, bisogna aggiungere i molti emigrati, che usano ancora questa lingua nella propria famiglia: a Trento, per esempio, i Lusernati ivi residenti che parlano in cimbro sono più numerosi che non nel paese d’origine. Sono molti i Cimbri veronesi che risiedono oggi a Verona e in altri centri del Veronese, a Latina (dove emigrarono al tempo della bonifica delle Paludi Pontine, e cioè tra il 1930 e il 1932), a Varese.

Anticamente, il popolo cimbro si estendeva su un’area assai estesa, dall’Altopiano d’Asiago a est fino alla Folgaria e a Terragnolo a ovest, occupando tutte le testate delle valli dei fiumi vicentini Astico, Leogra, Agno, Chiampo e l’intera zona dei XIII Comuni Veronesi.

Non sono cimbri altri piccoli popoli sparsi su tutto l’arco alpino. Questo perché i tre dialetti cimbri traggono origine dalla zona in cui la Baviera confina con la Svevia e il Tirolo. Al contrario, i Walser di Gressoney, di Alagna Valsesia e di Rima hanno una parlata di tipo alemannico (come il tedesco svizzero); i Mòcheni della Valle del Fersina hanno una parlata vicina al tirolese della Valdadige; gli abitanti di Sappada in provincia di Belluno e quelli della vicina Sàuris (in provincia di Udine) usano un dialetto affine a quello della Gailtal austriaca, la vallata poco oltre il confine.

Va notato che molti si dichiarano Cimbri nonostante che non conoscano bene la lingua, o non la conoscano affatto: però erano cimbri i loro genitori o i loro nonni. Lo stesso accade con gli Irlandesi, fieri di dichiararsi tali anche se parlano sempre in inglese e non sanno neppure una parola di gaelico. G. R.

 

 
 

Notizie RSS

Ultime da GIAZZA

 Più di dieci giorni fa, abbiamo spedito ai soci la RIVISTA CIMBRI TZIMBAR N° 52 all'interno della quale abbiamo inserito la convocazione dell'ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI che si terrà nella frazione di CENTRO di Tregnago presso il RISTORANTE PIAZZOLA IL 27 FEBBRAIO ALLE 16.00. I soci sono vivamente pregati di intervenire per approvare il bilancio consuntivo 2015 e preventivo 2016 oltre alla presentazione e discussione sulle varie attività che sono programmate per quest'anno.

Il 28 febbraio a RECOARO si svolgerà la bellissima CHIAMATA DI MARZO, una sfilata caratteristica del territorio con decine di carri in tema cimbro e sul territorio del paese Chi intendesse partecipare è invitato a dare la sua adesione per organizzare il viaggio (con auto o se fossimo in un numero pià alto potremmo organizzare un pullman)

GITA IN VALLE D'AOSTA

Il 30 aprile e 1 maggio abbiamo in programma un incontro con i Walser della Valle d'AOSTA. Sono due giorni intensi con le visite della Fortezza di BARD, i castelli di ISSOGNE e di FENIS al sabato 30 e la visita di Aosta nella mattinata di domenica 1maggio. Ci sarà l'incontro con i gruppi Walser di ISSIME E GRESSONEY.Il costo è di 190€ tutto compreso, ingressi, due pasti ecc. rivolgetevi ad EZIO BONOMI 045 7848093

  

06/02/2016

RIVISTA CIMBRI 52

 È uscito con° 52 della nostra rivista Cimbri Tzimbar.L'abbiamo presentata venerdì 18 nel centro ambientale di Selva di Progno alla presenza di circa 70 persone. Lo sforzo per pubblicare un secondo volume è sempre motivo di prolungato impegno da parte di tante persone. Questo numero si compone di quasi 180 pagine con articoli molto interessanti a partire dal ricordo struggente di Gianni Molinari. Vi sono i resoconti delle nostre varie attività quali il viaggio estivo in ex Jugoslavia o le visite al museo. Aulo Crisma ci racconta dei suoi esordi a Giazza esule da Parenzo nel '46 dopo le purghe ad opera di Tito. Massimo Tinazzi ci racconta la prima parte della storia dell'osteria  di Revolto. Giuseppe Simeoni conclude il suo studio suo Catari e Moreno Menini le storie sul capodanno nella Serenissima... Non rimane che leggerla. In questi giorni la spedizione ai soci.

 

26/12/2015

Ultime notizie

Cari amici, vorrei darvi alcune info sul nostro impegno di questi ultimi scmpoli di anno sociale. E' in dirittura d'arrivo la composizione del numero 52 della nostra rivista Cimbri/tzimbar n°52. Prevediamo di stamparla al più presto comunque prima di Natale. Se non ci saranno intoppi dovremmo presentarla a Selva di Progno venerdì 18 dicembre al Centro ambientale insieme ad un bellissimo romanzo cimbro scritto dal nostro carissimo SIMONE FIORIO. Il romanzo dovrebbe intitolarsi: DONATO E IL SEGRETO DI GIAZZA. Il 2 gennaio a Boscochiesanuova in sala olimpica ci sarà un concerto lirico cimbro con due artisti svedesi.

Appena avremo il calendario definitivo lo comunicheremo a tutti.

VM

 

28/11/2015

DI RITORNO DA KAMPELL /CAMPELLO MONTI

 Per tre giorni a Camplello Monti le minoranze linguistiche germaniche delle Alpi si sono incontrate per la loro annuale assemblea.E'stato un ulteriore momento di confronto sullo stato delle isole linguistiche, sull'attuazione dei progetti condivisi. Si sono affrontati i temi del vivere in montagna, delle difficoltà della trasmissione delle lingue minoritarie anche a causa dei fondi sempre più scaarsi che la legge 482 dà agli enti, comuni e comunità montane.Per questo il nuovo coordinatore Max Pachner di Sappada ha promesso un ulteriore impegno verso la Regione Veneto per lo sbolcco dei fondi della legge regionale 73/1994 fermi al 2013. Comunque lo stare insieme diventa fondamentale per condividere le varie proposte di attività. Si è anche constatato che la Regione Trentino A.A. ha diminuito il suo contributo e questo ci ha messo nella necessità  di chiedere alle varie comunità di pagare un altro contributo per saldare le spese della pubblicazione del volume Il Tesoro delle isole linguistiche. Il prossimo incontro in aprile maggio a SAURIS in Friuli.

 

 

25/10/2015